Dove sono

Contattami

Address

Abito da qualche parte su questa minuscola sfera nuvolosa. In un pezzo di terra e rocce a forma di stivale, dove l'abitante medio è il furbetto che si lamenta se gli altri fanno i furbetti.

HardCopy

HardCopy
Sep
29

 

Linux è fantastico

 

Anche per fare la più banale delle minchiate, bisogna essere l’esperto indiscusso delle banali minchiate. Tutto è estremamente frammentato e complesso. Ma ordinato e preciso.

 

LinuxServerHacks_FrontDato che il backup è fondamentale ho pensato che nel mio server sarebbe stato opportuno fare una copia incrementale giornaliera. Già, una cosa come TimeMachine, che collega i backup con gli hard links.

Casualmente in questi giorni mi sono imbattuto in un gran bel libro…
…che casualmente spiegava esattamente come fare per ottenere quello di cui avevo bisogno. Vado a vedere gli script che mi propone e… CHE SCHIFO!

Si può dire tutto sugli script che ha, tranne che siano fatti bene. Il codice è statico per natura, e funziona solo per quattro backup. I parametri configurabili sono pochi, va bene solo per un certo tipo di backup, che non è quello che volevo fare. Inoltre non funziona su Mac. (vergogna, Apple, non hai implementato -l in cp)

Ho deciso di prendere le parti migliori e di creare due script da zero. Che possano funzionare anche su mac.

 

Cosa fa

 

Quello che ho creato è un sistema di backup come TimeMachine per Linux, da linea di comando, perfettamente configurabile. Una gioia per me, gestire i backup risparmiando spazio con gli snapshots non è mai stato così facile. Gli script si possono integrare con cron per fare un backup incrementale di tutto il sistema.

 

Creati, collaudati e messi sul mio repository. Se ti servono li scarichi da qui:

 

https://code.mc128k.info/mc128k/HardBackup.git

 

 

Come funziona

 

Gli script servono rispettivamente per fare la copia di dati e ruotare i backup. I backups sono divisi in sottocartelle numerate con la data di esecuzione, quella con il numero più basso è quella più recente.

All’inizio bisogna scaricare gli script e copiare il file di configurazione nella cartella /etc, per poi modificarlo a piacimento. Si posizionano gli script in una cartella apposta e si fa partire rotate.sh; questo genererà la prima cartella. Dopodichè si può fare andare snapshot.sh per copiare i files.

 

Consiglio di fare eseguire più copie al giorno per mantenere aggiornati i files e di fare ruotare i backups una volta alla settimana per lo storico, a seconda delle necessità. Basta creare due linee in crontab per automatizzare la procedura, come descritto nella documentazione.

 

Quando c’è bisogno di consultare i backups, basta navigare nella cartella che li contiene. Ogni sottocartella mostra la intera struttura del filesystem, quindi non c’è bisogno di fare nessun merge al ripristino, il tutto risparmiando spazio dato che i files sono legati con degli hard link. Basta navigare nella cartella e copiare i files necessari. Fine.

 

Come per ogni backup consiglio di monitorare manualmente la esecuzione ogni tanto per sicurezza.

 

 

Comments (0)
Leave a Comment